Esiste davvero il malocchio?

Quando nella nostra vita ci capitano sciagure e avvenimenti veramente tristi, seguiti magari da periodi in cui non solo sembra andare tutto per il verso sbagliato, ma anche la salute sembra abbandonarci, è facile pensare di essere stati colpiti dal malocchio. Questa credenza, anche se oggi meno radicata rispetto al passato, è ancora insita nella nostra cultura.

Ma il malocchio esiste davvero? È possibile che tutto ciò che di negativo ci capita possa essere giustificato da un rituale che ci vede come vittime. Bisogna fare chiarezza e cercare di capire se, invece, le nostre disgrazie non siano semplicemente il frutto di una concatenazione di eventi da noi stessi avviata.

Non esistono fondamenti scientifici che provino l’esistenza del malocchio; esso è sempre associato a rituali magici e pratiche esoteriche, ma spesso, solo chi è davvero in grado di scacciarlo o di crearlo ci crede seriamente. Stando alla più famosa delle tradizioni popolari, quando il periodo non è proprio dei migliori si è soliti fare dei gesti scaramantici, quali toccare ferro, fare il gesto delle corna o indossare dei cornetti che sarebbero in grado di allontanare la sciagura. Se bastasse questo, allora, la semplice gestualità sarebbe sufficiente affinché tutta la nostra esistenza non venga mai minacciata da eventi negativi, ma sappiamo che questo non è possibile.

Esempi di malocchio

Per fare alcuni esempi, una persona negligente in possesso di un’auto per la quale non svolga la giusta manutenzione, finirà prima o poi per rimanere a piedi. In questo caso è facile prendersela con la sciagura e pensare al malocchio, ma nella realtà dei fatti una macchina che si rompe è il risultato di tutta una catena di eventi negativi causata dal proprietario.

Nel senso opposto, possiamo anche trovarci dalla parte di chi vuole augurare un malocchio a una persona che gli è particolarmente antipatica. A volte ce l’abbiamo talmente tanto con questa persona che davvero cominciamo a credere che il malocchio possa funzionare. Ma i risultati non sono quelli in cui speravamo e, al contrario, può addirittura verificarsi la situazione opposta: a noi va tutto storto e all’altro ogni fortuna sembra cadere dal cielo.

In generale, possiamo affermare che credere o meno nel malocchio sia una caratteristica di determinati tipi di persone. Chi, infatti, è per natura insicuro e introverso ha anche la tendenza ad attribuire a fattori esterni le sue eventuali esperienze negative. Questo perché non ha fiducia nei propri mezzi e crede che, puntando solo su quelli, non sarà in grado di risolvere alcun problema. Per lui, ogni cosa avrà una causa esterna e sarà indipendente dalle sue azioni.

Al contrario, una persona estremamente sicura di sé è consapevole non solo del fatto che molte delle sue sciagure possono dipendere da scelte sbagliate, ma anche che tutto è affrontabile e risolvibile con il giusto atteggiamento.

Data, però, la natura così radicata di questa tendenza popolare, è giusto non escludere del tutto l’esistenza del malocchio e associarlo a determinati eventi per i quali non si possa, per davvero, trovare un’altra causa scatenante.

Come si fà il malocchio?  Come si toglie?

Ci sono varie credenze popolari su come si effettua un malocchio e su come si toglie, la soluzione in questi casi è quella di rivolgersi ad esperti che capiscano il malocchio e sappiano cosa fare in questi casi.

About admin

Check Also

Tarocchi al Femminile

Cosa ti riserva il domani? Un consulto espresso con i tarocchi al femminile   Comprenderai le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *